#5 Buone Abitudini quotidiane per migliorare la qualità della vita - Exduco Comunicazione Formazione
Via Belgio, 26 - Montesilvano (PE)
+39 085 911 8099

#5 Buone Abitudini quotidiane per migliorare la qualità della vita



“Siamo ciò che facciamo ripetutamente.
L’eccellenza non è un azione, è un’abitudine.”

Aristotetele






Ciao e ben ritrovato/a,

oggi voglio condividere con te alcune mie buone abitudini che attuo quotidianamente e che mi fanno stare davvero bene.

 

Per farle cerco di alzarmi un’oretta prima di iniziare la mia giornata.

 

Le buone abitudini potranno migliorare la tua vita in ogni aspetto.

 

Sono proprio i piccoli rituali quotidiani, le azioni ripetute giorno dopo giorno a creare una grande libertà.

 

Abitudini quotidiane ti aiutano ad aumentare la creatività, il livello di produttività, l’efficienza e l’efficacia oltre a darti molto più tempo da dedicare alle persone che ami e alle tue passioni.

 

L’autostima sale incredibilmente e la forza di volontà e l’autodisciplina si rafforzano gradualmente.

 

Ognuno di noi ha già tantissime buone abitudini che mette in pratica ogni giorno e la domanda è:

  • Sono consapevole di quali siano le mie routine quotidiane?
  • Aggiungono valore alla mia vita?
  • Mi permettono di vivere la vita che desidero, di andare incontro ai miei obiettivi mentre mi godo il viaggio?

 

Questo è quello che conta davvero.

Come il mare è fatto da gocce d’acqua, così la tua vita è fatta di piccole abitudini quotidiane che possono renderla piena ed appagante, in ogni sua sfaccettatura.

 

Dunque, iniziamo subito.

 

#1. Pulisco la lingua con il nettalingua in rame

nettalingua_rameQuando ci si sveglia al mattino sulla lingua si deposita una patina bianco giallastra formata da tossine e scarti che il corpo rilascia durante la notte.

 

L’azione quotidiana del Nettalingua in rame agisce favorevolmente su:

  • Eliminazione delle tossine depositate sulla lingua
  • Eliminazione dell’alito cattivo
  • Abbassamento della formazione della placca batterica
  • Riduzione dell’eccesso di muco
  • Riduzione di problemi gengivali

 

Come usare il nettalingua?

  • Tieni le due estremità del Nettalingua nelle mani e raschia delicatamente la lingua dall’interno verso l’esterno
  • Sciacqua il Nettalingua sotto l’acqua corrente ad ogni passaggio
  • Usalo fino all’eliminazione completa della patina biancastra

 

L’utilizzare quotidianamente il Nettalingua è importante sia per l’igiene orale che per lo stato di salute generale.

Perché utilizzare un Nettalingua in Rame?

Il rame come metallo era conosciuto sin dall’antichità e, molto probabilmente, fu il primo metallo ad essere usato dall’uomo.

 

Gli Egizi, gli Assiri, i Medi, i Sumeri, gli Ittiti e i Fenici lo utilizzavano per preparare numerosi farmaci per curarsi.

 

Dai Greci e poi dai Romani veniva usato per preparare rimedi antinfiammatori.

 

Plinio disse “i minerali del rame provvedono in molti modi alla medicina, poiché in essi si trova la guarigione più rapida per ogni tipo di ulcere”.

 

Il rame infatti è un amplificatore di campi.

 

I nettalingua utilizzati nella tradizione Ayurvedica erano e sono solo in rame o in argento, metalli particolarmente pregiati per le loro caratteristiche batteriostatiche.

 

Ottimo conduttore, il rame è batteriostatico, cioè inibisce la proliferazione dei batteri sulla sua superficie, presenta inoltre una buona resistenza alla corrosione e una bassa reattività chimica.

 

Dal 2008 la “US Environmetal Protection Agency” (EPA, l’Agenzia per la Protezione Ambientale degli Stati Uniti) ha approvato la registrazione del rame e delle sue leghe come agenti antimicrobici capaci di ridurre specifici batteri dannosi.

 

Svolge infatti un’azione antisettica e disintossicante contro gli stati infettivi e virali, aumenta le difese immunitarie e attiva il metabolismo.

 

Ecco perché il rame è usato anche come antisettico e antinfiammatorio nel trattamento delle manifestazioni infettive ed infiammatorie croniche.

 

L’oligoelemento rame è importantissimo, tanto che si ha ottimi motivi per pensare che questo minerale in traccia possa essere prezioso per mantenere l’equilibrio nel nostro corpo.

 

E’ importante che il metallo usato nella fabbricazione del netta lingua sia puro al 99,9% .

 

Come conservarlo?

E’ bene pulirlo, ogni qualvolta è necessario, possibilmente con sale marino e una goccia di limone o aceto e sciacquarlo poi in acqua corrente fredda, strofinandolo infine con un panno asciutto lo si potrà avere lucido come allo stato originale.

 

E’ anche consigliabile immergerlo una volta al mese in acqua fredda, facendo ciò il netta lingua si scarica e si neutralizza, rinnovando così la sua efficacia.

 


Uno dei migliori nettalingua lo trovi qui: ->>> nettalingua in rame


 

#2. Bevo acqua tiepida

Un’altra buona abitudine la attuo appena sveglio.

 

Bevo tre bicchieri d’acqua da 200ml e con l’acqua prendo i miei ->>> integratori.

 

Alterno tra Echinacea, Spirulina, Maca, vitamina D+K, Vitamina C, Magnesio e in alcuni periodi prendo la Zeolite Attivata come depuratore di metalli pesanti e tossine e riequilibrio la flora intestinale con probiotici e prebiotici.

 

bere acqua fa bene

Quali sono i benefici di bere acqua al mattino?

  1. Previene i calcoli renali. Bere acqua di prima mattina permette di diluire gli acidi che formano eventuali aggregazioni di sali minerali nei reni.
  2. Rafforza il sistema immunitario. Contribuisce a purificare il sistema linfatico, che ha un ruolo chiave nella formazione delle difese immunitarie.
  3. Migliora il metabolismo basale. Ovvero la quantità di energia spesa a riposo, per esempio quando si mangia o si dorme.
  4. Allevia il mal di stomaco. Invece di andare verso l’esofago provocando dolore, il reflusso acido sarà spinto verso il basso e diminuirà di intensità.
  5. Fa dimagrire. Attenua la fame e aiuta l’organismo ad assorbire con maggiore facilità le sostanze nutritive.
  6. Effetto detox. L’acqua raggiunge subito l’intestino, l’organo preferito dalle tossine, e lo purifica.
  7. Sublima la carnagione. Bere mezzo litro di acqua a digiuno aumenta il flusso di sangue rendendo la pelle più luminosa.
  8. Dà energia. È un buon modo per iniziare la giornata eliminando la sensazione di sonno e di stanchezza.
  9. Contrasta la stipsi. Stimolando il movimento intestinale, combatte e previene eventuali problemi di stitichezza.
  10. È anticellulite. Favorisce la diuresi e, quindi, l’eliminazione dei liquidi in eccesso trattenuti nei tessuti.

 

NB: ti consiglio di bere da 1 a 4 bicchieri d’acqua tiepida e di restare a digiuno per 30 minuti.

#3. Rifaccio il letto al meglio

10-motivi-per-rifare-il-lettoLa mia terza buona abitudine è rifarmi il letto.

 

Lo so che pensi che sia una scocciatura o che sia banale farlo o non farlo.

 

Ma il semplice gesto del rifare il letto nasconde in realtà davvero tanti segreti interessanti.

 

Molti ne fanno lo strumento per avere successo nella vita, come spiega Charles Duhigg nel suo libro ->>>Il potere delle abitudini, dedicato proprio alle “abitudini buone” che tutti dovremmo avere.

 

Secondo Duhigg, rifare il letto ogni mattina è legato a una migliore produttività, un maggiore senso di benessere e a più forti capacità di controllare e gestire le proprie finanze.

 

Questo perché si tratta di una buona abitudine che innesca un meccanismo virtuoso per cui a questa seguiranno altre buone abitudini.

 

Ed è così che rifarsi il letto al mattino si lega al concetto di produttività e di benessere.

 

Un testimonial d’eccezione

Questi concetti sono stati espressi anche in un discorso del 2014 di William H. McCraven, comandante delle forze speciali della Marina americana (i Navy Seal), agli studenti neolaureati dell’Università del Texas.

 

Il comandante disse agli studenti che per cambiare il mondo bisognava partire dal rifare il letto ogni mattina.

 


“Se lo farete -spiegava il McCraven – avrete portato a termine il primo compito della giornata.

Vi darà un minimo senso di orgoglio e vi incoraggerà a cimentarvi in una nuova sfida, poi in un’altra e un’altra ancora.

E alla fine della giornata quell’unico compito completato si sarà trasformato in molti lavori conclusi”.


 

Insomma, il successo è tutto nelle nostre mani.

 

Da qualche parte bisogna pur cominciare e dato che non è neppure così difficile, iniziamo dal rifarci il letto no? 😀

 

Ecco il discorso del comandante.


Ti va di mettere un like sulla pagina Facebook? Grazie!


#4. Faccio i 5 Tibetani

Questa buona abitudine è la mia preferita, e anche quella che richiede più sforzo fisico.

 

I cinque tibetani – come vengono comunemente chiamati – sono tecnicamente esercizi di stretching e sforzo isometrico/isotonico combinati con il controllo della respirazione.

 

Essi lavorano su alcuni organi interni del nostro corpo, rielaborando alcune posizioni tradizionali dello Yoga.

 

Quali sono i benefici di questi esercizi?

  • incremento dell’energia;
  • incremento della chiarezza mentale e della capacità di concentrazione;
  • rafforzamento e maggior flessibilità dei muscoli;
  • miglioramento della respirazione;
  • rafforzamento del corpo;
  • riduzione dello stress;
  • generazione della calma mentale;
  • rallentamento del processo di invecchiamento del nostro corpo.

 

A differenza delle altre attività fisiche, nei 5 tibetani l’importante non è quello che facciamo, ma l’attenzione e la presenza nella pratica. Solo nella pratica costante – vuole la tradizione – si nasconde il segreto del successo.

 

Questi riti rappresentano uno spazio che ci prendiamo per stare con noi stessi.

 

La storia dei 5 riti tibetani

Questa pratica fu rivelata al mondo dall’americano Peter Kelder, che nel suo libro “The eye of revelation: ancient secret of the fountain of youth”, tradotto in italiano con il titolo ->>> I 5 tibetani, pubblicato nel 1939.

 

Racconta di un incontro con un ufficiale dell’esercito britannico – chiamato colonnello Bradford – il quale durante il proprio servizio aveva sentito raccontare di uno sperduto monastero tibetano dove era custodita la fonte della giovinezza.

 

Partito alla ricerca di questa fontana, il militare fece ritorno visibilmente ringiovanito, e raccontò a Kelder di questo monastero dove vecchi monaci con corpi giovanissimi e ottima salute gli insegnarono i propri riti.

 

I cinque tibetani, la cui tradizione avrebbe più di 2.500 anni, a causa della posizione del monastero, lontanissimo dalla civiltà, sarebbero divenuti la leggenda della fonte della giovinezza.

 

Lo scopo di questi esercizi è riattivare i 7 chakra, sette punti nevralgici del nostro corpo, fonte del “potere spirituale” secondo la tradizione dello Yoga.

 

i-5-tibetani

 

#5. Davanti allo specchio

Ispiratomi ad un audiolibro di Louise Hay, ->>>Affermazioni quotidiane con la tecnica dello specchio ho preso la buona abitudine ogni giorno di stare 5 minuti davanti allo specchio  prima di iniziare la mia giornata e fare un semplice esercizio che migliora tantissimo la mia autostima.

 

Ps: hai fatto il test della tua autostima? Lo trovi qui.

 

La tecnica è semplice ed efficace e ti servirà ad osservare la tipologia di pensieri che fai.

 

I pensieri traducono le tue emozioni del tuo subconscio.

 

Spesso ce l’hai con te stesso/a e il tuo dialogo interiore diventa un’aula di tribunale dove il tuo Sé viene massacrato dai tuoi stessi pensieri.

 

Per stare meglio quindi devi imparare ad osservare i pensieri che fai, eventualmente comprendere perché li fai (e chi sta parlando dentro di te, genitori, insegnanti, sacerdoti, etc.) e cambiarli in osservazioni positive.

 

Il pensiero genera lo stato d’animo, lo stato d’animo genera il tuo modo di vivere il momento e la vita intera è fatta di momenti.

 

Se impari ad osservarti e ad amarti, la tua vita cambierà radicalmente!

 

Questa tecnica serve proprio a smontare le auto critiche e migliorare la tua autostima e il tuo stato d’animo, grazie a poche e semplici azioni quotidiane.

 

In cosa consiste l’esercizio dello specchio?

La tecnica dello specchio si usa così:

 

Mettiti davanti allo specchio ed inizia ad osservarti.

 

Fai un’osservazione attiva senza pregiudizi, prova a non pensare a niente.

 

Impossibile?

 

Se ti vengono pensieri prova a dirti: adesso aspetto il prossimo pensiero.

 

E lo spazio di attesa del prossimo pensiero, causerà il blocco stesso del pensare.

 

Se nell’osservarti ti concentri sulle parti di te che ti piacciono di meno, la tua mente inizierà a giudicarti.

 

Lascia perdere, non pensare.

  • Concentrati solo sull’osservazione del volto: la sua forma, il colore dei tuoi occhi, la grandezza della bocca
  • Ora chiamati per nome e fallo seguire da frasi come “ti voglio davvero bene”, “ Mi accetto e mi amo così come sono” o qualsiasi altra cosa incoraggiante ti possa venire in mente. Guardati negli occhi mentre pronunci queste frasi, respira profondamente per raggiungere il tuo Io più profondo.

 

Concentrandoci profondamente su questa cosa e ripetendo quest’affermazione varie volte, generiamo in noi stessi idee, sentimenti e atteggiamenti positivi.

 

Forse sembra ridicola come cosa ma con il tempo e la pratica si riesce ad essere più sinceri con sé stessi e a crederci davvero.

 

Indicazioni importanti che puoi seguire

Dopo aver fatto l’esercizio puoi riflettere su come ti senti dopo aver ripetuto l’affermazione, che pensieri vagano per la tua mente e come reagisce il tuo corpo.

 

Puoi anche iniziare a tenere un diario delle riflessioni quotidiane che fai per vederne l’evoluzione nel tempo.

 

Un altro modo di fare l’esercizio è quello di metterti nudo/a davanti allo specchio, non per giudicarti ma per guardarti con amore e imparare a perdonarti le tue imperfezioni.

 

Quando riesci a dire davvero “Ti Amo” a te stesso lo puoi dire anche agli altri.

 

Frasi suggerite:
  • Mi amo e mi accetto come sono
  • La mia bellezza interiore si riflette in ogni parte del mio corpo e della mia personalità
  • Mi amo davvero
  • Ogni pensiero che faccio su di me rafforza la mia autostima
  • Ogni giorno m’innamoro di più di me stesso/a
  • Amo il mio corpo e lo rispetto
  • Mi prendo cura del mio corpo con ogni mia azione
  • Amo i miei occhi (o una qualsiasi altra parte del corpo che non mi piace)
  • Mi nutro in maniera sana
  • Ogni cosa che introduco nel mio corpo è per il mio massimo bene
  • Il mio corpo sa come essere in perfetta salute
  • Tutti i pensieri negativi che faccio vanno alla luce

Letture che ti consiglio:

Meditazioni per guarire la tua vita

Puoi guarire la tua vita

E tu?

Hai delle buone abitudini che di solito svolgi quotidianamente?

Ti va di condividerle nei commenti?


iscrizione gruppo facebook exduco formazioneIscriviti al gruppo Facebook


Grazie per aver letto l’articolo!



E’ possibile cancellare i programmi vecchi ed installarne di nuovi, è possibile cambiare il modo in cui vedi la tua vita oggi e vederla con altri occhiali.

E’ possibile vivere una vita diversa, con un lavoro diverso, persone diverse.

Un modo di vivere la vita che sia piena espressione del tuo essere!

Leggi le testimonianze.

Riprenditi in mano la tua vita! 

INIZIA DA QUI 》

Argomenti Correlati

abitudini quotidiane che migliorano la vita, buone abitudini per vivere meglio, buone abitudini alimentari

Se sei arrivato fino a qui…

…sei una delle 500 persone che ogni giorno legge senza limitazioni il blog perché gratuito.
Sei una delle 500 persone che probabilmente metterà in discussione qualcosa della sua vita e inizierà un percorso di auto-conoscenza e di benessere.
Exduco Comunicazione è un’associazione di promozione sociale, culturale ed artistica e porta avanti alcuni progetti tra cui il blog che stai leggendo.

Come associazione ha bisogno anche di piccoli aiuti economici per andare avanti, sotto forma di donazione.

Sostieni Exduco Comunicazione, basta anche un euro, grazie!




#5 Buone Abitudini quotidiane per migliorare la qualità della vitaultima modifica: 2018-12-12T23:50:30+01:00 da Francesco Mazza

Related Posts

Leave a reply

Devi essere connesso per inviare un commento.