Come scrivere un articolo con Wordpress ottimizzato SEO




Come scrivere un articolo con Wordpress ottimizzato SEO? #10 regole d'oro per scrivere un articolo usando le migliori tecniche di copywriting e di SEO!





Come scrivere un articolo con WordPress ottimizzato SEO : #10 consigli super utili

 

Questi consigli ti possono essere utili se hai un blog o gestisci un sito per la tua attività o per quella di qualcun altro.

Vediamo quindi come scrivere un articolo con WordPress ottimizzato SEO, ovvero un articolo ottimizzato per i motori di ricerca ma in ottica user friendly.

Intanto è importante sapere che le regole per ottenere un ottimo posizionamento del sito o anche di un articolo wordpress, non sono fisse e inamovibili, ma possono essere soggette a cambiamenti nel corso del tempo.

Una volta si inserivano le keyword ovunque ed in maniera esagerata, mi raccomando non farlo più.

 

come scrivere un articolo con wordpress ottimizzato SEOLe intelligenze artificiali ormai si sono evolute tantissimo e sono molto vicine al modo di pensare e di navigare degli utenti.

 

Non pensare più che a leggere il tuo articolo o post sia un robot (lo spider), ma una persona.

Infatti l’algoritmo di Google “pensa” proprio come un umano, valutando alcuni fattori che non hanno più a vedere col tasso di keyword inserite (non in maniera prioritaria) ma valorizza per esempio il tempo di permanenza sul sito o su di una pagina, l’interazione, la condivisione, etc.

Quindi la regola è scrivere contenuti di qualità in modo che gli utenti siano interessati e condividano la risorsa nel web.


Quindi: Contenuti di valoreLinkPopolarità e Reputazione.


Alla luce di questa prima regola, ecco qui #10 Consigli per scrivere un articolo con wordpress in ottica SEO.

 

#1 Scarica innanzitutto dei plugin per la SEO

WordPress è un CMS fantastico perché consente praticamente di fare tutto ciò che si desidera, in quanto ha l’opportunità di poter impiegare plugin di terze parti che vengono aggiornati continuamente man mano che le nuove versioni di wordpress vengono rilasciate.

Di seguito ti elenco alcuni plugin che possono aiutare sensibilmente a creare un buon articolo search engine friendly che rispetti le linee guida dei motori di ricerca e di Google in particolare.

  1. Yoast Seo: è un ottimo plugin che in pratica ti gestisce tutta la SEO del sito. In particolare quando scrivi un articolo, ti dà consigli utili su come utilizzare le keyword, quante volte ripeterle, etc. Un po’ come facevano alcuni software dei primi anni del millennio in cui si posizionavano i siti anche attraverso le Doorpage o Doorway.
  2. Wp Smush: un altro ottimo plugin che ti consentirà di ottimizzare la grandezza delle immagini andando ad incidere pesantemente sullo spazio occupato nell’HD del server ma soprattutto in termini di banda e velocità di caricamento del sito.
  3. Wp Super Cache: Ottimizza tutto il sito e lo velocizza, quindi utile moltissimo al posizionamento sempre per il discorso di velocità.
  4. Wp Optimizer: utile plugin per ripulire ed alleggerire il database. Tra le varie funzioni pulisce i commenti spam e le revisioni che una volta scritto l’articolo, possono essere cancellate.

Considera anche di spostare il sito su un buon host, che duplicherà la velocità generale del sito.

In questo articolo te ne consiglio uno.

Bene torniamo al tema del nostro articolo, ovvero come scrivere un articolo con WordPress ottimizzato SEO.

 

Dopo aver installato e impostato i vari plugin (se non riesci, posso farlo io per te), ecco altri passi da poter fare.

 

#2 Analisi e ricerca della Keyword principale da posizionare

Nel far questo in base alla tua strategia trova il modo di capire qual è il target giusto al quale ti stai rivolgendo, quindi al suo livello di consapevolezza per decidere quale azione fargli compiere con la call to action.

 

In base alla tipologia di call to action collocherai il tuo articolo nella giusta posizione: priorità, categoria, tag.

Di solito si sottendono tre livelli di keywords per due tipologie di keywords, commerciali ed informative:

  1. le keywords commerciali: es. per categoria prodotto potremmo avere “abbigliamento uomo” come keyword generica, “cappotto per uomo” come keyword di prodotto, e “cappotto uomo nero slim” come keyword prodotto finale da acquistare.
  2. le keyword informative: es. come keyword generica avremo “blog moda uomo”, come keyword più approfondita avremo “taglie uomo”, mentre come keyword di approfondimento avremo “come misurare la taglia per un cappotto da uomo”.Come scrivere un articolo SEO con WordPress

Quindi come ho scritto nell’articolo sul target, in base a dove si trova il cliente che ti interessa, scriverai ed agirai per farlo agire.


RICEVI CONTENUTI ESCLUSIVI GRATIS 》


#3 Come scrivere un articolo con WordPress ottimizzato SEO: i SEO tools

Individuata la keyword che ti interessa, adesso devi confrontarla su quello che digita la maggior parte degli utenti online.

Per fare questo ci vengono in aiuto alcuni tools per la SEO online che ti ho già segnalato nell’articolo sul Target, e che ti ripropongo qui di seguito.

I seo tools, sono comunque solo dei rilevatori di quantità di traffico generato dalla keyword inserita, ovvero quante volte una combinazione di parole chiave è stata digitata in un mese.

 

Una volta individuata la keyword, dovrai inserirla dove il “plugin Yoast Seo per wordpress ti consiglierà di farlo, con le percentuali giuste e nei posti giusti.

 

#4 Come scrivere un articolo SEO con WordPress: il copywriting che fa la differenza: emozionati!

 

Chi se non Tu stesso può essere il primo fan di ciò che vendi?

 

Prima di scrivere chiudi gli occhi e mettiti nei panni di chi acquisterà quello che stai vendendo.

 

Come si sentirà?

 

Avrà trasformato, anche di poco, la sua vita?

 

Lo farà stare bene?

 

Sarà felice ed orgoglioso di questo acquisto?

 

Parlerà bene di te e del tuo prodotto?

Si se sarà soddisfatto e lo amerà!

 

Ecco… queste sono le domande che puoi porti, (in realtà anche prima di creare il prodotto sarebbe il caso di farlo 😀 )

 

A questo punto scrivi dei benefici, di come ci si sentirà dopo l’acquisto.

 

Raccontagli dell’emozione che proverà, raccontagli del vantaggio che avrà.

 

Non soffermarti sui dettagli tecnici, quelli li puoi inserire nella descrizione del prodotto.

 

Parlagli di come si sentirà dopo.

 

 

 

 

#5 Crea un dialogo con chi legge e dai del “Tu”

 

Può sembrare banale ma scrivere dando del “tu” è molto bello per chi legge perché ti fa sentire a casa.

 

Creare un dialogo con te, anche se virtuale, comunque ti fa sentire una persona di famiglia.

 

Che poi è così, perché chi non vorrebbe lavorare o acquistare cose da persone di cui si ha stima e fiducia?

 

Mentre scrivi cerca di metterti nella testa di chi sta leggendo, magari prevenendo quelli che possono essere i suoi pensieri e quindi scrivendo la risposta a quello che sta pensando.

 

Se hai un buon dialogo con te stesso, questo non dovrebbe essere difficile da fare 🙂

 

Se vuoi approfondire questo argomento vai su “Exduco Formazione“.

 

Ma andiamo avanti, tu pensi positivo?

 

C’entra, c’entra…

 

 

#6 Come scrivere un articolo con WordPress ottimizzato SEO : il copywriting quantico

 

Che vuol dire? Leggi sotto e vedrai.

 

La maggior parte dei testi scritti sono scritti con una “minaccia” o una “paura latente”.

 

Che significa? :O

 

Significa che per esempio quando leggi degli annunci o ti arrivano per email trovi scritto:

NON perdere questa opportunità!”

oppure

NON dimenticarti di cliccare sul banner per NON perdere l’offerta tal dei tali”.

NON, NON, NON…

 

Bene, è stato scientificamente dimostrato (dalla fisica quantistica) che il cervello recepisce male il “NON” e tende ad eliminarlo dall’attenzione selettiva, quindi le frasi suddette diventeranno nell‘inconscio di chi legge:

 

“Perdi questa opportunità!”

o

“dimenticati di cliccare sul banner e perdi l’offerta tal dei tali.”

 

Pazzesco vero? Eppure è così.

 

Quindi, invita all’action l’utente con dei comandi positivi, senza il “non” con termini opposti.

 

Del tipo.

 

Grande opportunità per te appena cliccherai sul banner!
Clicca subito!

RICEVI CONTENUTI ESCLUSIVI GRATIS 》

 

E’ facile, e vedrai i risultati!

 

#7 Movimenta il testo

Si sa che a pochi piace leggere su monitor o su smartphone e che l’attenzione allo schermo luminoso può essere distratta da tantissime cose.

 

Popup, suoni, video, banner etc.

 

Un buon modo per rendere la lettura più scorrevole, comprensibile e meno affaticante per la vista è separare bene le frasi l’una dall’altra.

 

Con dei periodi non lunghissimi e di facile comprensione.

 

La pagina risulterà più lunga, è vero, ma le persone sono abituate più a scrollare che a leggere.

 

Sembra strano ma è così.

 

Quindi gioca con la forma dell’articolo, così gli occhi si muoveranno e si stancheranno di meno.

 

Utilizza grassetti, corsivi, |formattazione testo| per far cadere l’attenzione sulle parole chiave per la comprensione del testo.

 

Il cervello di chi legge velocemente, carpirà solo le parole evidenziate e la sua testa elaborerà il concetto generale generato da tutte le parole evidenziate.

 

Un po come 0ue1 g1°c|-|1 con i segni al posto delle parole 🙂

 

 

#8 Come scrivere un articolo con WordPress ottimizzato SEO : l’onestà paga con l’autorevolezza

Spesso quando inizi a scrivere sul tuo blog o lo hai appena lanciato (sia che tu sia un blogger o che abbia un’attività per vendere dei prodotti o servizi), sei un perfetto sconosciuto e quindi è difficile che qualcuno decida di seguirti e prenderti in considerazione.

Seguiranno i “guru”, i leader del mercato.

Come fare in questo caso?

Onestà

Intanto puoi dirlo che sei agli inizi o che sei una startup (anche Exduco Comunicazione è molto giovane e sta iniziando da poco, non senza difficoltà), ma ammettere questa cosa con il tuo pubblico in realtà genera una sorta di empatia e fiducia, quasi a dire:

Ehi siamo nella stessa barca, possiamo remare insieme!

 

Per generare fiducia, racconta di te, o di episodi che hanno fatto sì che tu sia arrivato fin dove ora sei.

 

L’ho fatto anche io, per la parte formazione, pubblicando il mio primo libro, che racconta il mio percorso di tras – formazione personale, iniziato diversi anni fa.

Racconta CHI SEI creando una pagina apposita, racconta tuoi aneddoti per ogni servizio che pensi di poter vendere.

Io dico sempre che:



Quello che vendi deve piacerti, ma tanto!

 

Così che tu stesso risulti credibile, appassionato mentre stai proponendo qualcosa agli altri.

 

Fai agli altri solo ciò che vorresti fosse fatto a te.

 

(Frase in positivo, in negativo sarebbe stato “non fare agli altri ciò che non vorresti fosse fatto a te!”)

 

#9 L’immagine in evidenza

Diceva Confucio che “l’immagine vale più di mille parole”.

 

In fondo è vero, noi in pubblicità abbiamo studiato che il miglior messaggio pubblicitario di solito è veicolato da un’immagine e un buono slogan, (e ovviamente corredato di logo aziendale e dal payoff).

Ricerca una bella immagine inerente all’articolo, non inserire nell’immagine in evidenza la foto del prodotto, a meno che non tu non ti rivolga ad un target maturo pronto all’acquisto del tuo brand.

Scegli un’immagine che lasci intravedere i vantaggi, che faccia immedesimare chi legge nel risultato, nel beneficio, come ho detto in precedenza.

Oppure un’immagine che stimoli curiosità, contraddittoria, come quella che ho messo io in questo articolo.

Magari avrai pensato all’inizio… “ecco il solito articolo che suggerisce di riempire il sito di parole chiave per attirare i robot dei motori”, oppure “ma come, il titolo è contraddittorio con l’immagine!”.

Questa contraddizione magari ti ha spinto ad arrivare a leggere fin qui.

 

#10 Come scrivere un articolo con WordPress ottimizzato SEO: la Call-To-Action

Infine, in base al tuo obiettivo, ricordati di collocare il pulsante “call to action” nei posti giusti per far sì che l’utente abbia la possibilità di registrarsi ai tuoi contenuti.

 

Che siano dei video corsi gratuiti, una newsletter, contenuti scaricabili non importa.

 

L’importante è che tra voi inizi un feeling, un dialogo, una comunicazione dinamica e scambievole.

 

Tu dai contenuti, gli utenti lasciano feedback, consigli, etc.

 

Un modo per crescere insieme.

Nel mio caso ad esempio, la call-to-action per te, è darti supporto per gestire la tua attività.

Se sei già esperto magari questo articolo è stato un ripasso o avrai preso qualche spunto.

 

Se invece hai un’attività e non sai proprio da dove iniziare, qui hai potuto trovare degli ottimi spunti per procedere ed iniziare da solo.

 

Ma ovviamente nel secondo caso, non basterà la lettura di questo articolo per promuoverti efficacemente.

 

Ok?

 

Mi raccomando, se utilizzerai questi consigli fammelo sapere!

 

Intanto, grazie per essere arrivato alla fine dell’articolo!

 

Ti va di rimanere in contatto? Puoi farlo cliccando il pulsantone! 🙂

 

RICEVI CONTENUTI ESCLUSIVI GRATIS 》

PS: sarei davvero felice se tu lasciassi un commento con qualche feedback qui sotto il post.

 

A te prende un minuto del tuo tempo, per me è fonte di grande soddisfazione e di crescita!

Condividere è un piacereShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on StumbleUponPin on PinterestEmail this to someonePrint this page

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice. info

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi